La sedia vegetale, realizzata con il miglior lino per abiti.

Il design del futuro è (anche) di lino. La società francese DCS (Design Composites Solution) ha elaborato una tecnologia innovativa derivata dal know-how delle industrie aeronautiche e automobilistiche. Processo di fusione per iniezione di resine termoindurenti vegetali all’ottanta per cento, che permette di trasformare la fibra di lino in un materiale composito. Eco compatibile, resistente, riciclabile, duttile, estremamente leggero: il nuovo materiale è una risorsa rinnovabile e naturale.

Innamorato della materia e attratto dalla eco-soluzione hitech («combinazione di tecnica e artigianato»), il talento parigino François Azambourg ha progettato per la DCS Lin 94: prima serie di mobili in fibra di lino al novantaquattro per cento. Tavolo, sedia, vassoio, coffee table, libreria componibile: la collezione è per ora in edizione limitata. La previsione per il futuro prossimo, ampliare la produzione e utilizzare la fibra vegetale come alternativa alla fibra di carbonio e di vetro. «Il matrimonio di una portiera e di una camicia» è la sintesi scherzosa che fa Azambourg della sua Lin 94: «Concepita come la carrozzeria di un’auto da corsa, prodotta con la miglior qualità di lino per camicie». Poesia tecnologica per un designer sperimentatore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...