fuorisalone 2011: Temporary Museum for New Design

Contaminazioni espressive tra arte e design, innovazione e tradizione, natura e tecnologia, grandi nomi del design e sicuri talenti emergenti, oltre ad interessanti novità che non si vedono altrove.
Dopo 3 anni ha preso corpo e struttura il Temporary Museum for New Design, al Superstudio Più l’esclusivo polo del design internazionale costruito come un museo dell’eccellenza, per dare spazio ai migliori progetti di grandissimi o significativi nomi, seguendo il concept “meno fiera e più museo”.
Superstudio Group, nelle due grandi location di proprietà, è di fatto in Milano il centro culturale ed espositivo privato più importante della città per il design e si conferma il punto più hot, la destinazione cui non mancare, un’oasi di professionalità dove la cultura si coniuga col business, attirando visitatori qualificati grazie all’ingresso riservato ai soli operatori professionali, con la sola eccezione della domenica aperta al pubblico su registrazione.

Il progetto di Gisella Borioli con l’art direction di Giulio Cappellini si basa su elementi che fanno la differenza come qualità, ricerca, internazionalità, innovazione e avanguardia. Gli iconici edifici bianchi di Superstudio Più sono suddivisi in “gallery”, quest’anno ancora più ampie, costruite come tante “mostre” e installazioni site specific separate, con layout espositivi esperienziali di forte impatto.
10 000 metri quadri e più di 30 brand ospitati che rappresentano il meglio della ricerca in campo internazionale, con la presenza di nomi prestigiosi come Canon, Samsung, Alcantara, Diesel, Foscarini, impegnati in installazioni museali di grande appeal; architetti e designer internazionalmente noti come Paola Navone, Koichi Suzuno e Shinya Kamuro (Torafu), Michele De Lucchi, Karim Rashid, Alessandro Mendini, Patricia Urquiola, Xavier Lust, Vicente Garcia Jimenez, Simone Micheli, Philippe Nigro, Alessandro Dubini, Denis Santachiara, Stefano Pirovano, Michael Koenig, il media art duo “Mioon”; la partecipazione di numerose nazionalità tra cui Svezia, Finlandia, Olanda, Canada, Giappone, Corea, Israele, Polonia, Germania, spesso con il supporto degli enti governativi di riferimento.

Il Temporary Museum è un appuntamento atteso in tutto il mondo, seguito da un grande numero di testate internazionali, portato ad esempio come iniziativa innovativa e di valore, prima tappa di ogni visita in zona Tortona. Il pubblico, professionale e non, verrà accolto in un luogo di grande bellezza, con servizi esclusivi, a partire dal giardino che offre area verde e relax, lounge, aree relax, book-shop Taschen, il progetto speciale King’s Design House sul roof (su invito, a cura di Prosciutteria King’s), press-office e info-point, ristorante Dada cafè, Sake bar.

Espongono al Superstudio Più – Temporary Museum for New Design:

&tradition, Alcantara®, Ama Design, Ames, Aqua Creations, Brand van Egmond, Bysteel, Canon, Comforty, Cristalplant®, Daniel Rohr, De Ponte Studio | DPSA+D, Diesel Home Collection, Domodinamica, Floor to Heaven, Flora, Flux, Foscarini, Golran, Inax, INCHfurniture, Kabiljo Inc., Kaneka, Lammhults, Mabeo, Magnetti, molo, Punkalive, Ronda design, Samsung Electronics, Seletti, Svensk Form, Tagina Ceramiche d’Arte.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...